Connect
To Top

LA DONNA ADULTERA -Quanti clienti porta l’adulterio dallo psicoterapeuta?

Dalla trasmissione “L’altra metà del cielo…nella Bibbia” dedicata in questa puntata a “la donna adultera”.

“L’altra metà del cielo…nella Bibbia” è un programma radiofonico scritto e condotto da Salvatore Loria, giornalista professionista e critico letterario dei testi biblici. Ospiti fissi: Abigaela Trofin, pastora avventista, e Barbara Guidotti, psicologa e psico-terapeuta d’indirizzo sistemico-relazionale. Letture dei testi biblici fatte da Alessandra Lombardo. La trasmissione mira a creare una “profilazione” (ricostruzione) del personaggio biblico. Dall’apporto di tre competenze professionali (giornalismo, pastorato e psicoterapia) nasce un avvincente quadro psicologico capace di parlare ai bisogni della persona del 21° secolo.

Ci avviciniamo al testo biblico con grande serietà e con la libertà di porre domande mirate a creare un ponte tra un mondo storico-culturale tramontato da millenni ed la società post-moderna che proprio dalla Bibbia si attende risposte alle proprie inquietudini. E’ un gioco di parallelismo-tematico tra antichità e modernità che non finisce mai di sorprenderci. Alla psicologa, per fare un esempio, il giornalista ha chiesto: Fino a che punto l’adulterio di oggi è figlio della libertà sessuale di ieri? E poi: Che cosa viene prima l’adulterio o la crisi di coppia? Pensando all’atteggiamento di scribi e farisei, alla pastora ho chiesto: Perché tutta questa voglia di condannare un altro essere umano? E poi, chi cade, è sempre caduto o può ricominciare daccapo?

In questi quattro anni, da quando è stata creata questa trasmissione, gli autori hanno sempre trovato che la letteratura sacra ha una straordinaria rilevanza anche nel 21° secolo.

Alcune delle domande sull’adultera poste ad Abigaela Trofin:

  1. Del nostro personaggio, da un punto di vista redazionale-esegetico, interessa prima di tutto la location della scena. Il processo si svolge all’ombra del tempio di Gerusalemme: C’è un’imputata, ci sono i testimoni oculari, c’è un giudice suo malgrado, scelto dagli stessi accusatori. Il luogo sacro si trasforma in sede di giudizio ed alcuni sperano anche in sede di condanna. Che cosa ci dice questa costruzione letteraria?
  2. Ci troviamo di fronte a due mondi ideologici opposti: quello legalista/giustizialista di scribi e farisei e quello garantista della persona, rappresentato da Gesù. Da pastora come giudichi l’atteggiamento giustizialista di scribi e farisei?
  3. Qual è il messaggio che emerge dall’atteggiamento di Gesù?
  4. Con Lui si può ricominciare daccapo oppure, una volta caduto, sempre caduto?
  5. Da pastora hai mai affrontato una situazione simile a quella della donna adultera?
  6. Qual è la lezione pastorale da imparare da questa storia?

Alcune delle domande poste a Barbara Guidotti, psicologa-psicoterapeuta:

  1. Quanti clienti ti porta in studio l’adulterio?
  2. Quali sono le categorie più a rischio di adulterio?
  3. Non c’è dubbio che nella nostra società le barriere della sessualità si spostano sempre più avanti. Ci sono sempre meno freni ed inibizioni. Lo scambio di coppia è in fondo una forma di adulterio consenziente. Fino a che punto l’adulterio di oggi è figlio della libertà sessuale di ieri?
  4. Che cosa viene prima: l’adulterio o la crisi di coppia?
  5. Su che cosa si concentra la psicoterapia in un rapporto di coppia “scoppiato”?
  6. Alistair Mant ha creato due tipi di personalità: il raider (predatore, razziatore), ma anche, aggiungo io, lo sciacallo, l’arrivista, l’arrampicatore, l’Attila, il bulldozer che schiaccia o fa piazza pulita dell’altro pur di far valere non solo il proprio io ma anche la propria idea. Ci sono poi i “builder“, i costruttori. Si può educare a diventare “builder“, costruttori?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Cristianesimo

Privacy Policy

Copyright © 2020 Comunicazioni Cristiane