Connect
To Top

Emergenza Coronavirus, l’accorato appello delle sorelle di Maria: E’ tempo di comunicare con Dio!

Sr. Joela Krüger : “Questa crisi, che non lascerà niente come prima, può cambiare la nostra vita in maniera positiva. Ma c’è una condizione: se noi ci riconosciamo spiritualmente malati e veniamo come pazienti al Medico dei medici, Gesù Cristo, la nostra vita può essere cambiata.”

Cari amici, alcuni di voi ci hanno chiesto che cosa pensiamo di questa situazione. Sono state già dette molte cose utili,  per cui cercherò di condividere qui solo qualche nostra impressione che ho preso nota.

Gli avvenimenti dei nostri giorni sono assolutamente inauditi ed allo stesso tempo reali. Senza rendercene conto è stato posto un freno a tutto.  Le restrizioni toccano  ciascuno di noi: nessuno n’è escluso, nessuno può sottrarsene.

Sono stati sospesi eventi ed incontri, non importa quanto fossero urgenti, importanti o meno: anziché incontrarci dobbiamo isolarci, perché ognuno può essere un pericolo per gli altri.

Tuttavia un modo d’incontrarsi è consentito, ed è quello della comunicazione più importante. In realtà non è soltanto ammesso, è necessario: il nostro trascurato colloquio con Dio.

Esso è più urgente di tutti i temi in calendario fino a poco tempo fa, come per esempio il cambiamento climatico, lo sviluppo demografico e l’eutanasia, che erano titoli di prima pagina qui in Germania al momento in cui giunse l’allarme del coronavirus.

Aggiungiamo perciò ai suddetti temi il fatto che un giorno la nostra vita avrà un fine. Dobbiamo prenderlo in considerazione: è una realtà immutabile. Tutte le altre cose passeranno ma questa rimane. È una verità sconcertante, ma anche liberante: è l’unica cosa sicura. E sappiamo che quando qualcosa giunge al termine, Dio vuole dare un nuovo inizio.

Pertanto anche questa crisi, che non lascerà niente come prima, può cambiare la nostra vita in maniera positiva. Ma c’è una condizione: se noi ci riconosciamo spiritualmente malati e veniamo come pazienti al Medico dei medici, Gesù Cristo,la nostra vita può essere cambiata. Egli ha chiaramente detto di essere venuto per i malati, non per i sani.

Dobbiamo solo essere consapevoli che siamo davvero malati spiritualmente, che siamo dei pazienti. Allora – che meraviglia! – troveremo in Lui il Medico che ha ogni potere su questa crisi e su tutte le sue conseguenze incalcolabili.  Gesù è il Medico che riceve 24 ore su 24 e offre ai Suoi pazienti appuntamenti senza limiti. Egli è il Medico che vuole la guarigione della nostra anima ancor più della nostra guarigione fisica,  che potrebbe facilmente farci ritornare al nostro stile di vita di prima.

Dio ha aspettato a lungo e avrà ovviamente sperato di poterci raggiungere senza strumenti severi, come il coronavirus. Tuttavia siamo arrivati al punto in cui, per così dire,  abbiamo bisogno di  “terapia intensiva”. Il Signore vuole anche “riabilitarci”. Egli ha la potenza di ristabilire le nostre anime stanche e scoraggiate; può svegliare le nostre coscienze addormentate e renderci sensibili verso il nostro prossimo. Con Lui tutto può essere rinnovato!

Egli vuole fortificarci e stimolarci ad una vita di preghiera interiore incessante; vuole che intercediamo per il nostro popolo come mai prima, “con gemiti inesprimibili” dello Spirito Santo.

È questo il momento favorevole: ora che tutti i grandi eventi sono stati sospesi,  è il momento dei piccoli gruppi . Direi che questo è  l’inizio della “Chiesa di domani”.

Alla “Chiesa di domani” Gesù ha promesso grande autorità spirituale. Essa comincia là dove due o tre sono riuniti nel Suo nome perché, secondo la Sua Parola, Egli stesso è in mezzo a noi. Gesù, il Re e Signore, è presente con il Suo immenso amore e potenza, per darci tutto ciò di cui abbiamo bisogno per i tempi difficili – molto più di quello che  oggi noi possiamo immaginare”.

Sr. Joela Krüger               copyright © 2020 Sorelle di Maria, Darmstadt, Germania            www.kanaan.org

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Attualità

Privacy Policy

Copyright © 2020 Comunicazioni Cristiane