Connect
To Top

“Senti chi predica”, dalla radio a FB, è sempre la voce del Vangelo che risuona

Lunedì 6 aprile 2020, dall’etere al web, in un modo nuovo, fresco, giornalistico, moderno. che riverbera è sempre la Voce del Vangelo.

Testo della trasmissione andata in onda lunedì 6 aprile 2020 in piena crisi cononavirus:

Sono Salvatore Loria: a Senti chi predica, tra poco ci collegheremo con i pastori Mihail Bumbar, Mihail Gavrilita, Giuseppe Cupertino e Roberto Sferruzzo

Restate con noi qui a Radio Voce della Speranza Catania,

Ci senti-vediamo dopo la sigla

Lunedì 6 aprile 2020,

Benvenuti ad un altro numero di “Senti che predica”, la trasmissione che compie un rapido esame di alcuni sermoni predicati nell’ultimo weekend. 

Oggi ricordiamo il 6 aprile del 1924 quando a Berlino, in Germania, moriva Ivan Prokhanov, appartenente ai Molokani, da molok, latte, ossia bevitori di latte  che non osservavano i digiuni ed i rituali imposti dal calendario liturgico ortodosso. L’impero russo ne mandò molti nel Caucaso, fra questi anche la famiglia di Ivan Prokanov che all’età di dieci anni svenne e rimase senza vita. Un medico lo dichiarò morto e fu messo in una bara. Ma mentre gli anziani leggevano la Bibbia sopra di lui, preparandosi a seppellirlo, Ivan aprì gli occhi e cominciò a piangere.  Da adulto, Ivan trovò finalmente la strada che lo condusse al Signore. Due anni prima della sua morte scrisse: “Guardando indietro, analizzando gli eventi degli ultimi quindici anni, non posso fare a meno di notare che ogni incidente, ogni ostacolo, anche le persecuzioni e le incarcerazioni, sono serviti decisamente e positivamente per la crescita del Movimento Cristiano Evangelico in Russia….del quale era anche diventato presidente”.  Ivan Prokanov morì in esilio in questo giorno, il 6 aprile 1924, a Berlino. 

E con questo in mente, diamo un’occhiata a quello che sta succedendo oggi nelle chiese in un paese duramente colpito dal covid-19, il virus che ha stravolto l’intera struttura organizzativa della società, chiese comprese.

I nostri ospiti: in ordine alfabetico, Mihail Bumbar, Mihail Gavrilita, Giuseppe Cupertino, Roberto Sferruzzo.

Questa non è una trasmissione di discussioni teologiche tra pastori, ma piuttosto un momento di “verifica” degli interventi pastorali fatti per sopperire alla mancanza del tradizionale sermone da quando imperversa il virus. Nello specifico c’interessa sapere la motivazione che spinge i nostri pastori, i loro gli obiettivi, le aspettative,  la call-to-action, la chiamata all’azione che rivolgono ai credenti in tempi di coronavirus.

  1. Sentiamo dai nostri ospiti prima di tutto come si sono organizzati per far giungere alle loro chiese il cibo spirituale di cui hanno bisogno:
  2. Ed ora le domande di rito di questa trasmissione che non è un’intervista ma un’interrogazione: Quale brano biblico avete utilizzato, velocemente, cominciamo da… quale versetto o versetti hai utilizzato per la meditazione?
  3. Titolo del sermone
  4. Concetto di fondo, tesi, idea dominante, dell’intervento
  5. Ragioni del sermone, su quale sfondo hai costruito il sermone?
  6. Reazioni al sermone? Modo di verificare l’impatto?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Cristianesimo

Privacy Policy

Copyright © 2020 Comunicazioni Cristiane