Connect
To Top

Libia: Nessun riconoscimento della Chiesa, nessuna libertà per i cristiani

Oggi questa nazione è uno dei paesi più pericolosi al mondo per quanti sono cristiani.

Pregate per un governo unificato che ricostruisca la nazione con giustizia e pace.- Pregate perché la piccola Chiesa libica sia unita e stabilita nonostante l’intensa persecuzione. Pregate perché Gesù si riveli ai Musulmani moderati e agli estremisti.

Pregate che i credenti costretti a rimanere segreti abbiano comunione con il Signore e con gli altri cristiani.  

Pregate per la sicurezza dei cristiani che lavorano per condividere il Vangelo.  Pregate per la pace in Libia.  

Pregate che i libici che hanno lasciato il loro Paese ascoltino il Vangelo. 

Pregate per coloro la cui unica opportunità di comunione è la chiesa online.  Pregate che molti siano raggiunti dalle trasmissioni cristiane e dall’evangelizzazione via Internet.  

N.B. Se la preghiera è una battaglia, allora è fondamentale conoscere il territorio sul quale sono concentrate le nostre preghiere. Una preghiera efficace è prima di tutto una preghiera informata!

SOMMARIO

Il deserto del Sahara, i vulcani, le oasi e i popoli nomadi rendono la Libia sorprendente e intrigante. Altrettanto mozzafiato sono le antiche città lungo la costa mediterranea, che ospitano la maggior parte dei 6,5 milioni di abitanti della Libia. Queste città mostrano una storia diversificata, segnata dall’influenza greca, romana e ottomana. I primi abitanti di questo paese, povero di acqua ma ricco di petrolio, furono le tribù berbere, la maggior parte delle quali si sono fuse con la maggioranza araba. Oggi la Libia sta vivendo un’estrema agitazione che ha assolutamente devastato la nazione.  

Vaste riserve di petrolio hanno reso la Libia una delle nazioni più ricche dell’Africa, eppure quasi un terzo della sua popolazione vive in povertà. La morte del dittatore Muammar Gheddafi nel 2011 durante la primavera araba (una serie di rivolte populiste in molti Paesi arabi dal 2010 al 2012) ha esacerbato una storia di conflitti. Era stato promesso uno Stato democratico pluralista, ma invece il Paese è stato ulteriormente diviso dalla guerra. Numerosi porti petroliferi sono stati conquistati dalle milizie, e lo Stato islamico ha trovato un rifugio sicuro in mezzo a questa massiccia instabilità. Violenti attacchi e attentati suicidi in tutta la Libia hanno portato ulteriore morte e distruzione. Circa mezzo milione di persone sono state sfollate all’interno della Libia a causa di questo caos che si sta dipanando. 

Oggi questa nazione è uno dei paesi più pericolosi al mondo per quanti sono cristiani. Il novantasette per cento dei libici è musulmano. Anche se gli stranieri sono legalmente autorizzati a praticare il culto, è illegale per loro condividere il Vangelo con i Libici. I missionari vengono arrestati e la maggior parte degli espatriati cristiani se ne sono andati. Scarica il pd con le linee guida per la serata di preghiera.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Attualità

Privacy Policy

Copyright © 2020 Comunicazioni Cristiane